Bologna Violenta – Tetris, Trieste 05/12/09

La serata inizia con un fiacco dj set tanto che il Tetris di Trieste, un super-localino che vive con la filosofia del “do it yourself”, è praticamente desolato: due coppie ai tavoli, un paio di ragazze che iniziano a tracannare birra e i baristi.

Ma quando arriva lui, Nicola Manzan in arte Bologna Violenta, allora sì che s’inizia a ragionare. La gente entra, il locale si riempie. Sale sul palco a furor di popolo, un po’ per il dj di cui sopra, un po’ perchè si sa che quest’uomo, pur essendo solo, è potente come un terremoto.

Circa quaranta minuti di live fatto di un grind-noise instabilissimo, forte come un pugno in faccia, di una velocità supersonica raramente intervallata da frasi tratte da film polizieschi, d’impatto. Parafrasando le sue parole, questo concerto è stato “sassate nelle orecchie per tutti”, grazie alla sua chitarra iperdistorta e velocissima, al suo violino dalle note tragiche e grazie anche alla sua forte presenze sul palco. Il pubblico è travolto da quest’onda anomala di suono e rumore che insieme si fondono nel progetto Bologna Violenta. Definirlo è impossibile com’è impossibile paragonarlo a qualsiasi altra cosa già sentita: siamo di fronte ad una realtà a sé, da conoscere soprattutto live. Assolutamente folle.

Signore e signori, Bologna Violenta.

Foto di Dotthewson

Michela “Mak” De Stefani per Mag-Music

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *