11 cover per… Claudio Rocchetti

Claudio Rocchetti

White Sun Black Sun”, la prima pubblicazione sulla lunga distanza degli In Zaire, è stato giudicato dai media di settore come tra le cose migliori prodotte nel Bel Paese nel 2013. Il gruppo (di cui fanno parte anche Stefano Pilia, Riccardo Biondetti e Alessandro De Zan) è una delle tante valvole di sfogo di Claudio Rocchetti. Senza dimenticare, tra passato e presente, 3/4HadBeenEliminated, Olyvetty, Vrooom! e Hypnoflash, oltre a una intensa attività in solitaria. Sperimentatore sonoro apprezzato e attivo sia a livello nazionale che europeo, la sua playlist potrebbe sorprendere più d’uno: “Qualcuno avrà notato che non ci sono né metal né Bowie. E insomma per certi argomenti 11 pezzi non bastano mica”. Buon ascolto!

– La verità

A volte ci sono momenti dove la realtà sfugge. Uno si sente perso, un po’ fuori fuoco. E si ha bisogno di qualcuno che ci dica la verità, anche se a volte non ci piace.

LeadbellyIn the Pines

Townes Van ZandtWaiting ‘Round to Die (da “For the Sake of the Song”, 1968)

– La vera musica del pirata Long John Silver

Ci sono marinai e pirati. Di entrambi mi piace la versione antica, quando non c’erano motori o computer a darti una mano… Qui ci sono vecchi marinai, pirati da autostrada e un po’ di illusioni.

Rachel’sRhine & Courtesan (da “The Sea and the Bells”, 1996)

Il Sogno del MarinaioMessed-up Machine (da “La busta gialla”, 2012)

RainbowCatch the Rainbow (da “Ritchie Blackmore’s Rainbow”, 1975)

– “11:19 PM, Jacques Renaud’s Apartment…”

E insomma, questa andrebbe colta al volo. La dimostrazione che la televisione a volte non fa male. Oppure fa malissimo, ma in un senso che piacerebbe ai pirati di cui sopra.

John CarpenterReel 9 (dalla colonna sonora di “The Fog”, 1980)

Dracula LewisSpacies (singolo, 2012)

Robert TurmanFlux 3 (da “Flux”, 2012)

– Suoni verticali

Dopo tanta orizzontalità, un po’ di spaesamento e verticalità. Ci sono tanti modi per estraniarsi e creare mondi, quando ci riesce la musica sento una spinta verso l’alto irrefrenabile.

Morton FeldmanRothko Chapel 2 (da “Rothko Chapel”, 1971)

MohammadSakrifis (da “Som Sakrifis, 2013)

Alan LichtA New York Minute (da “A New York Minute”, 2003)

a cura di Christian Gargiulo

11 cover per… funziona così: un(a) musicista sceglie le undici, altrui canzoni che inserirebbe in un suo personale album di cover e per ogni scelta fatta ci spiega il motivo. Senza alcun tipo di limite: né di genere né di nazionalità né di periodo storico.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: