Dilaila – Tutorial

dilaila - tutorial

dilaila - tutorialCD – Niegazowana – 9 t.

Scrivere un manuale d’amore post-moderno, nel momento in cui si arriva al quarto album in studio, lontani dalle brevi distanze, non è cosa da tutti. Ma, alla luce dei propri quindici anni di esperienza, sapendo affrontare certe tematiche agendo da mosche bianche, è chiaro come il processo di maturazione preveda anche questo. I Dilaila lo sanno bene, e le nove tracce di un album come questo Tutorial lo dimostrano. Amore, rapporti sociali, fantasia mista a realtà, là dove la gamma di punti di riferimento, per la cantante Paola Colombo, è più che vasta e lontana da un unico modello, sia a livello vocale che di arrangiamenti. E così, oltre a Mina, nella mutazione psicologica di Storia di una scema che diventò farfalla, ci può essere tanto Nada in Non ci prenderanno mai quanto persino un’Anna Oxa che si veste di beat in Radio ’96, serrato giro di organo conclusivo incluso. Altrettanto fanno lo sfrenato refrain che anima ed altera la serenata di A caso (Sto pensando a lui), l’inquieto vivere della marcetta L’amore in fuga, il vago senso di oscurità che rappresentato dal rock di Se io fossi la notte da una parte e dalla resa pianistica di Fiori urlanti dall’altra, fino a ballate come l’intricata I mostri sotto al letto (con tanto di simpatica reprise fantasma) e una più distaccata Il gran sole di Hiroshima. Senza mai sfociare nella banalità, i Dilaila si confermano nuovamente come una di quelle realtà che non risultano mai stereotipate, ma trovano nel connubio tra influenze passate e composizioni che guardano al presente uno dei punti di forza. Un tutorial da seguire con gran piacere.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *