Fraulein Rottenmeier – Rottami

Fraulein Rottenmeier - Rottami

Fraulein Rottenmeier - RottamiCD – Autoproduzione – 9 t.

Esiste, a Brescia, una realtà che, quando si tratta di concepire quello che dovrebbero essere delle melodie accattivanti ed orecchiabili, sa per certo come cotanta sfida comporti la necessità di agire in una maniera diversa dal solito. Così era stato con Elettronica maccheronica, disco d’esordio dove la produzione di Gian Maria Accusani (Sick Tamburo) aveva dato l’idea di un gruppo di ragazzi dominati dalla schizofrenia, da un rock ed un’elettronica deviati ed al contempo di immediato impatto. Per i Fraulein Rottenmeier, a distanza di tre anni, intervallati da una parentesi in lingua inglese, Rottami rappresenta un radicale cambio di programma, dove, con l’eccezione di Hai mangiato un limone, di chiara ispirazione Devo, prevale un’immersione nel profondo dell’universo dance, senza mai seguire una direzione univoca in ftto di stili: dopo un’apertura affidata alla preghiera di Avresti vinto tu, seguono Morta Maria, un frenetico e beffardo necrologio dagli accenni dubstep, Rumore, che si prende gioco del pop più bieco strizzando l’occhio alla Lady Gaga degli esordi e a certe produzioni teutoniche, I nostri nomi, ideale contrapposizione di melodie uplifting trance ed ossessivi andamenti tribali, Così potente, elettrocardiogramma kraftwerkiano con vagiti techno, Salta con me, ballata dove gioca un ruolo vitale il binomio piano-beat, e non sono da meno l’allucinata e distorta Pugno sul tuo grugno e il cupo e folle racconto de La parte C. Un’evoluzione di sonorità che se ad un primo acchito può far storcere il naso, successivamente fa sì che tutte le carte escano allo scoperto, confermando i Fraulein Rottenmeier come un trio le cui potenzialità non sono un fuoco di paglia. Da ascoltare, da ballare, da godere.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: