Selvans – Clangores plenilunio EP

Selvans - Clangore Plenilunio EP

Selvans - Clangore Plenilunio EPCD – Avantgarde Music – 5 t.

È vero, di album ne avevano pubblicati solo due in dieci anni. Il primo, Nocturnal Pagan Supremacy, tutto sommato era poco più che discreto – ma lasciava presagire buone cose; invece, l’orgoglio è l’unica sensazione capace di descriverne il secondo lavoro. L’orgoglio pervade le note di De ferro italico, e orgoglio si prova non appena si finisce di ascoltarlo. Principalmente per questo motivo chiunque si sarebbe dovuto sentire in un certo qual modo orfano quando i Draugr hanno annunciato il loro scioglimento.

Per fortuna, il loro testimone è stato comunque preso in consegna da un paio di gruppi sorti dalle loro ceneri, tra i quali si annoverano i Selvans. Clangores plenilunio è il loro primo album, un EP contenente cinque tracce: le prime due sono veri e propri inediti, seguiti da una cover degli In the Woods… contornata da un prologo ed un epilogo abbastanza brevi.

Una sorta di continuità può essere individuata tra i due progetti teatini, oltre che nelle condivise tematiche folkloristiche e nei loro membri, anche nello stile e nella comune base nella quale trovano poi spazio gli inserti folk e gli strumenti popolari. Tuttavia, aggiungendo un’oscurità sconosciuta a De ferro italico e arrivando addirittura a suonare mid-tempo simil-doom in Lupercale, i Selvans riescono anche a prendere le distanze dall’ombra del loro gruppo madre. E forse proprio …In the Woods, la quasi omonima cover dei norvegesi In the Woods…, può assurgere a simbolo di questa emancipazione.

Il limite maggiore delle correnti metal italiane è che generalmente presentano un malcelato feticismo per le correnti nordeuropee. In campo folk metal italiano, citando quelli che potrebbero essere considerati i nomi più importanti, gli stessi Folkstone inizialmente avevano sonorità di chiara matrice tedesca, e i Furor Gallico avevano un’impronta di stampo celtico; mentre i primi Draugr – a partire dal nome – erano fin troppo ispirati dalla scena scandinava. De ferro italico aveva contribuito in parte a cambiare questa tendenza, diventando quella che personalmente mi è sempre piaciuto considerare una sorta di ‘risposta mediterranea ai Waylander’. I Selvans, in questo senso, forse fanno un piccolo passo indietro e rispostano leggermente il loro baricentro verso Nord; ma è indubbio che, confrontandoli con gli Atavicus, l’altra entità emanatasi dallo scioglimento dei Draugr, per ora si siano dimostrati migliori.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: