Calcutta – Mainstream

calcutta

Calcutta - MainstreamCD – Bomba, 10 t.

Dopo il bell’esordio con Forse…, Calcutta è tornato con Mainstream, seconda fatica discografica dal titolo azzeccatissimo. Perché Mainstream è davvero per tutti, con la sua mezz’oretta scarsa di canzoni pop dall’accompagnamento tendenzialmente minimale che premiano la splendida voce di Calcutta, capace di districarsi benissimo anche nell’alternanza fra tono grave e acuto. Le basi sono spesso infarcite d’elettronica che mai diventa invadente, ma, anzi, risulta preziosa per arricchire un sound dal mood abbastanza malinconico, lo stesso che permea testi incentrati sulla precarietà del nostro vivere quotidiano e delle relazioni amorose, descritte con parole dalle quali traspare una disperazione a tratti quasi esagerata e caricaturale, ma che si stagliano nella mente dell’ascoltatore sin dall’inizio, elemento che concorrerà a rendere necessaria anche l’esperienza live. In Mainstream si può affermare che funzioni tutto: dal ritornello di Gaetano ai due Intermezzo, compreso quello tutto elettronico di Del Verme, passando per il singolone Cosa mi manchi a fare, la ballata Milano e il capolavoro Frosinone, ovvero il pezzo che sembra poter incarnare meglio di tutti gli altri lo spirito di questo nuovo disco. Calcutta recupera il suo recente passato alla luce di una maggiore cura sul piano meramente tecnico e si spinge ben oltre, proponendo un disco pop di stampo cantautorale con tutti i crismi e che, non a fatica, farà parlare di sé anche a fine anno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *