Onirica – Io vengo dalla polvere da sparo EP

Io vengo dalla polvere da sparo_CoverColpo perfetto, a cominciare dallo splendido acquerello in copertina, per “Io vengo dalla polvere da sparo”, secondo EP targato Onirica. Dopo il buon EP di debutto “Carillons ‘65”, il quartetto di Napoli ha ulteriormente incrementato il proprio sound, spingendosi nei territori del post-rock, senza perdere però il piacere per le grandi aperture melodiche e incredibilmente emotive. Fin dal primo ascolto si capisce che il talento visionario degli Onirica è più vivo che mai.

Notte nella città di Dio ci porge la mano verso il viaggio musicale chiamato “Io vengo dalla polvere da sparo”: armoniose chitarre ci accompagnano per tutto il brano, a noi resta solo da chiudere gli occhi e lasciarci guidare (“Da qui si va per vecchie vie/con i cani randagi/quei libri che non leggo più per mancanza di volontà/la storia si inventerà/si inventa e si inventerà“). Con una carezza al cuore ci sorprende Due vite, duetto mozzafiato con Andrea Zanichelli (Il Nucleo).  Fra sfumature di chitarre e un testo appassionante (Io vengo dalla polvere da sparo/cresciuto in una strada senza sole/son nato in una fogna al decumano/trecento euro al giorno e non lavoro), il brano di punta di questo EP. Si continua con la lenta e soffusa Paride e la più movimentata Ludwig. Chiude il cerchio, la strumentale Il ritorno di Ulisse.

Un lavoro assolutamente da non sottovalutare. Aggiungo pure bellissimo anzi, “una granata in mezzo al petto”.

Marco “C’est Disco” Gargiulo per Mag-Music

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *